Benedicti Pererii Valentini ... Aduersus fallaces & superstitiosas artes, id est, de magia, de obseruatione somniorum, &, de diuinatione astrologica. libri tres.

Dublin Core

Titolo

Benedicti Pererii Valentini ... Aduersus fallaces & superstitiosas artes, id est, de magia, de obseruatione somniorum, &, de diuinatione astrologica. libri tres.

Soggetto

Magia
Negromanzia
Esorcismo

Descrizione

Seconda edizione del trattato del filosofo spagnolo di Ruzafa. Perera, appartenente all’ordine dei gesuiti, fu linguista, insegnante di retorica, filosofia, teologia e grammatica presso il Collegio romano. Il testo è articolato in tre libri: il primo tratta di magia, con riferimenti ai demoni, cabala, negromanzia e fabbricazione dell’oro; il secondo dell’interpretazione dei sogni; il terzo e ultimo è dedicato, invece, alla “divinatione astrologica”. Utilizzata anche come manuale di esorcismo e di alchimia, l’opera ebbe grandissimo successo editoriale, come si evince dalle numerose edizioni. Nello scritto si delinea la posizione decisamente critica del gesuita nei confronti dell’astrologia giudiziaria. Con il termine “astrologia giudiziaria”, si intendeva l'arte di prevedere il futuro grazie al calcolo delle posizioni dei corpi planetari e del Sole in relazione alla posizione della Terra. Durante il Medioevo e nel primo Rinascimento il termine fu utilizzato per fare una distinzione tra il tipo di astrologia che veniva considerata eretica dalla Chiesa cattolica, appunto quella “giudiziaria”, rispetto alla "astrologia naturale", come l'astrologia medica e l'astrologia meteorologica, che era considerata accettabile in quanto era insegnata come una parte delle scienze naturali.
Iniziali e fregi xil. - Insegna dei Gesuiti sul front. - Dedica a Camillo Caetano. - Le ultime 8 p., (l’Index), non leggibili interamente perché presentano profondi strappi causati da morsi di roditori.
Legatura in pergamena. - Sul contropiatto ant. nota ms: Liber pme (con tilde sopra, probabilmente sta per: per me) 1795, accanto all’antica segnatura benedettina, della stessa mano: XII.G.; in basso altra indicazione di segnatura: I.bis.H. - Sul r della c. di guardia la collocazione: Civ.Cinq.5.F.33. (già 1.16.14.). - Sul front. nota di possesso ms: Deputatus Biblioteca S. Nicolai De Arenis sub poena ex(comunicatio)nis ut non extrahetur. - Sul front. timbro circolare blu: Biblioteca Comunale Catania. - Timbro circolare viola: Biblioteca Civica e A. Ursino Recupero sul front., a p. 17 e 256.

Autore

Perera, Benito

Fonte

Civ.Cinq.5.F.33.
già 1.16.14.

Editore

Ciotti, Giovanni Battista

Data

1592

Gestione dei diritti

Biblioteche Riunite Civica e A. Ursino Recupero, Comune di Catania, Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali, CNR, Catania

Relazione

FONDO BENEDETTINO_NATURALIA_0047

Formato

[6], 256, [8] p.; 8º

Lingua

Latino

Tipo

Testo

Copertura

Venezia, Italia, Cinquecento

Collezione