Malleus maleficarum in tres diuisus partes ... auctore Iacobo Sprengero Ordinis Praedicatorum ... His nunc primum adiecimus, Bernardi Basin opusculum De artibus magicis ... Vlrici Molitoris Costantiensis de Lamijs & Pythonicis mulieribus Dialogum …
Omnia summo studio illustrata, & a multis mendis recens vindicata.

Dublin Core

Titolo

Malleus maleficarum in tres diuisus partes ... auctore Iacobo Sprengero Ordinis Praedicatorum ... His nunc primum adiecimus, Bernardi Basin opusculum De artibus magicis ... Vlrici Molitoris Costantiensis de Lamijs & Pythonicis mulieribus Dialogum …
Omnia summo studio illustrata, & a multis mendis recens vindicata.

Soggetto

Stregoneria

Descrizione

L’opera è uno dei più famosi trattati di stregoneria, scritto nel 1486 da due frati domenicani tedeschi, due anni dopo la bolla Summi desiderantes in cui Innocenzo VIII, istigava a misure molto severe nei confronti di maghi e streghe e influenzò profondamente la società europea del XVI e XVII secolo. Pubblicato per la prima volta a Strasburgo nel 1487, il Martello delle streghe riscosse subito grande consenso e divenne la guida teorica degli inquisitori. Tra gli argomenti trattati possiamo menzionare: la natura della stregoneria, l'inferiorità delle donne e le loro debolezze, le confessioni delle streghe, i rapporti che le streghe intrattengono con i demoni, le indicazioni per catturare, processare e detenere le streghe, le tecniche di estorsione delle confessioni, le torture. Ad esso fece seguito una serie copiosa di libri dedicati all’argomento, e ancora due secoli più tardi, nel 1608, il Malleus maleficarum  servì per l’elaborazione di quella che viene considerata la guida più esauriente alla stregoneria pubblicata in Italia, il Compendium maleficarum di Francesco Maria Guazzo. Nel suo libro, Guazzo incluse una serie di illustrazioni di streghe raffigurate nell’atto di stringere il patto con il diavolo o di eseguire i loro malefici, fornendo così anche un supplemento visivo ai suoi lettori. Lo scritto di Sprenger è diviso in tre parti: nella prima parte si dimostra l’esistenza della stregoneria e viene spiegato perchè le donne, a causa del loro intelletto inferiore, sono più portate a cedere alle lusinghe di Satana; nella seconda parte si analizzano le varie forme di stregoneria e i mezzi per combatterla; nella terza parte si tratta il modo di istituire azioni giudiziarie (dall’arresto, all’interrogatorio e alla tortura, sino alla sentenza).
Marca tipogr. alla fine del volume: entro cornicetta, fortuna (donna in piedi su una ruota in acqua) tiene nella destra una lama e nella sinistra una vela (F125). Con motto: fronte capillata est post hac occasio calva. - Fregi e iniz. xil. - Epistola dedicatoria a Ioannes Mintzenbergio firmata dal tipografo Basse.
Legatura in pergamena con titolo ms sul dorso. - Sul piatto ant. precedente collocazione: 1.19.78. - Sul front. attuale collocazione: Civ.Cinq.6.F.5. - Nota di possesso ms: Sue (Sot risulta sbarrato) de Diego Garaavè Alegres. - Sul margine inf. del v del front altra nota di possesso: Del padre don Giuseppe Consolo Cas(sinese).

Autore

Sprenger, Jakob

Fonte

Civ.Cinq.6.F.5.
1.19.78.

Editore

Basse, Nikolaus

Data

1580

Altri autori

Basin, Bernardo
Molitor, Ulrich
Gerson, Jean
Murner, Thomas

Gestione dei diritti

Biblioteche Riunite Civica e A. Ursino Recupero, Comune di Catania, Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali, CNR, Catania

Relazione

FONDO BENEDETTINO_NATURALIA_0048

Formato

[24], 737, [43] p.; 8°

Lingua

Latino

Tipo

Testo

Copertura

Francoforte sul Meno, Germania, Cinquecento

Collezione